Feste e Tradizioni

NATALE SUBACQUEO A LA SPEZIA

La Spezia, Porto Venere, Palmaria, San Terenzo e Tellaro hanno le loro consolidate tradizioni: con un bambinello che arriva dal mare trasportato dalle mani sapienti dei sub.

:

PRESEPE ILLUMINATO DI MANAROLA

Nel meraviglioso scenario del parco nazionale delle Cinque terre

Dal 1976 si realizza questo grandioso presepe con figure a grandezza naturale che vengono illuminate ogni sera, nel mese di dicembre e di gennaio. L’opera, inserita nel Guinness dei primati, è stata ideata e inizialmente costruita da Mario Andreoli, ferroviere in pensione. Il presepe è disposto sui terrazzamenti della collina che fronteggia il borgo di Manarola, uno dei più belli e fotografati delle Cinque terre. Per realizzarlo sono stati usati 8 km di cavi elettrici e 17mila lampadine per illuminare le 300 figure, fatte con materiali inutilizzati o riciclati.

FESTA DI S. GIUSEPPE

Festa patronale di San Giuseppe, alla Spezia

Già alla fine del 1300 esisteva a Spezia una fiera della durata di due giorni (molto probabilmente dedicata a San Cipriano) di cui si fa menzione negli Statuti cittadini del 1407. Si può quindi affermare che la vocazione mercantile della città fosse già pienamente sviluppata all'epoca dell'istituzione della fiera di San Giuseppe e soprattutto si possono oggi festeggiare non “solo” i 362 anni di questa fiera ma anche la tradizione commerciale che viene ufficialmente riconosciuta ben 650 anni fa.

 

IL PALIO DEL GOLFO

IL Palio e le sue radici nella cultura marinara del Golfo

Il Palio nasce, probabilmente da estemporanee sfide tra equipaggi di barche da lavoro cariche di pesce o dell'antico “oro nero” del golfo della Spezia: i mitili o “muscoli” come sono meglio conosciuti in tutto l'arco del Golfo.

FESTA DELLA MADONNA BIANCA A PORTOVENERE

Patrona della Comunità

Patrona della comunità, ogni anno, nella sera del 17 agosto e in occasione della festa patronale di Porto Venere dedicata proprio alla Madonna Bianca, viene messa in atto una suggestiva fiaccolata processionale per le vie del borgo.

 

FESTA DEI MUSCOLI A CADIMARE

Sagra del muscolo

La Società Mutuo Soccorso Arci di Cadimare (La Spezia) organizza tutti i week end di luglio la Sagra del muscolo (cozze). I piatti forte sono : spaghetti ai muscolimuscoli ripieni, alla marinara e frittelle ai muscoli, oltre alla tipica cucina locale ( frittura, acciughe salate ed al limone, sgabei ecc.).

FESTA DEI PITEI N'CANTINA NEL BORGO DEI PITELLI

La storia..

La festa è nata come omaggio ad un personaggio della tradizione locale, il pitellese “Gioà” (al secolo Giovanni), gran bevitore e frequentatore di cantine ed osterie, perennemente in lite con la moglie .Più che di una manifestazione, si tratta di una narrazione cui partecipa l' intera comunità.

FESTA DEL RAVIOLO NEL BORGO DI ARCOLA

La Sagra del Raviolo di Arcola si tiene ogni anno a Pieve di Santo Stefano e Margherita Baccano di Arcola. 

SAGRA DEL POLPO A TELLARO

La leggenda

La leggenda narra che nel 1660 Tellaro scampò nottetempo a un assalto di pirati saraceni perché la campana di San Giorgio suonò improvvisamente, svegliando gli abitanti che accorsero a respingere la tentata incursione. E chi avrebbe strattonato la corda della campana che finiva sugli scogli? Nientemeno che un grosso polpo... In ricordo di ciò la seconda domenica di agosto si svolge la tradizionale sagra del polpo alla tellarese, bollito e servito con patate cotte, olive, pomodori, cipolle, prezzemolo e olio. Oppure il polpo all’inferno così chiamato perché un tempo veniva cotto nella brace, mentre oggi viene stufato con alloro, maggiorana, peperoncino, pomodoro e poco vino bianco.

FESTIVAL DELLA MENTE

Tre giornate in cui relatori italiani e internazionali propongono incontri, letture, e altro ancora.

MOSTRA ANTIQUARIATO A SARZANA

Mostra Nazionale dell’antiquariato alla Cittadella-Fortezza di Sarzana. L’evento è infatti in programma in agosto  come sempre richiama tantissimi visitatori attirati dal fascino di mobili ed oggetti preziosi appartenenti al passato. 

FESTA DELLA CASTAGNA A PIGNONE

La sagra si tiene a Casale, frazione di Pignone, la terza domenica di ottobre. Il pranzo è all’insegna dei prodotti autunnali: tagliatelle ai funghi, ravioli al ragù, polenta, carne alla brace, salsicce. Per tutto il pomeriggio sono poi disponibili frittelle di farina di castagne e caldarroste.